È disponibile la guida turistico-culturale de Il cuNeo gotico

immagini copertina

È stata presentata durante la scorsa edizione di scrittorincittà la guida turistico-culturale Il cuNeo gotico. Temi e itinerari nella provincia di Cuneo.
Il volume, cifra e sigla del progetto triennale interdisciplinare promosso da Fondazione CRC, costituisce un contributo fondamentale alla ridefinizione dell'identità culturale e storico-architettonica del Cuneese ed è opera dei professori Lorenzo Mamino e Daniele Regis.
Il libro tratta infatti un tema ancora poco conosciuto ma davvero molto affascinante: il Neogotico in provincia di Cuneo. In questo territorio si concentrano alcune tra le principali architetture neogotiche d’Italia: Racconigi con la sua Margaria e le serre, i castelli di Pollenzo, Busca, Novello, Envie, Marene, il cimitero di Dogliani, le cento chiese, le ville, i parchi e i giardini che hanno il genio di misteri e romanzi romantici e oscuri. Un fitto intreccio d’immagini, di presenze e scenografie che segnano il passaggio dell’architettura e della cultura tra il Sette e l’Ottocento e oltre.

Il libro si apre con un doveroso riferimento al Neogotico e i suoi esempi colti e internazionali (Strawberry Hills House di Horace Walpole e i Kew Gardens a Londra, l’Abbazia reale di Altacomba in Savoia) ma descrive anche un Neogotico più sfuggente, campagnolo, pratico.
Quattro i beni faro del territorio cuneese, scelti per importanza e rilievo in totale parallelismo concettuale con il progetto della Fondazione CRC (Busca e il Parco del Castello del Roccolo, Dogliani e il complesso delle architetture di G.B. Schellino, Pollenzo e la Tenuta Reale, Racconigi e il parco e complesso della Margaria) da cui partono itinerari curiosi che documentano le emergenze architettoniche del territorio.

Questa guida rappresenta un supporto fondamentale – sia per il turista che per lo studioso – per scoprire il “tesoro” neogotico custodito dal territorio cuneese: un patrimonio forte non solo dei beni più noti al pubblico, per la loro importanza architettonica e storica, ma anche di tante realtà minori che costellano la provincia.
Chiude la pubblicazione un atlante fotografico in rigoroso bianco e nero ad opera di Daniele Regis: immagini d’autore per entrare nelle atmosfere misteriose e particolari del Neogotico.

La guida è disponibile in vendita presso le librerie del territorio della provincia di Cuneo.

Gli autori
Lorenzo Mamino è nato nel 1938 a Mondovì (Cuneo) dove vive e lavora. Architetto. Professore Ordinario in Composizione Architettonica e Urbana presso il Politecnico di Torino. Presidente del Corso di Laurea in Architettura, con sede a Mondovì. Insegna Progettazione Architettonica nella Laurea Specialistica in Ambiente e Paesaggio fino al 2010, prima della pensione. Sue opere d’architettura sono pubblicate su riviste specializzate, italiane e straniere. Ultimamente la sede del Centro Studi “Cesare Pavese” a Santo Stefano Belbo (CN) e l’allestimento del Museo Civico e Gipsoteca “Davide Calandra” a Savigliano (CN) e uno degli ampliamenti del Politecnico a Torino, sede Centrale. Ha curato volumi e saggi di architettura e di paesaggio. Negli ultimi anni le collane in corso, Atlanti dell’Edilizia Montana nelle alte valli del Cuneese e Guardare fuori, resoconti, questi, dei workshops di progettazione con studenti italiani e stranieri, nella sede di Mondovì. E’ stato Direttore per l’architettura della rivista Porti di Magnin (80 numeri) ed è attualmente Direttore della rivista Studi Monregalesi. E’ interessato al tema della continuità storica e funzionale dell’architettura. Quindi al recupero delle tecnologie antiche, e al loro innesto con le nuove: per rispettosi, nuovi paesaggi.

Daniele Regis, laurea con lode in architettura, Dottore di ricerca e Post - Ph. d in Storia dell’architettura e dell’urbanistica (tutor Roberto Gabetti) è docente di Composizione architettonica e urbana presso il Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino. Svolge attività di ricerca sui temi del progetto di architettura in contesti caratterizzati dall’abbandono. Responsabile scienti co e curatore degli atti dei convegni “Turismo nelle Alpi” (2005) e “Gli ecomusei nella provincia di Cuneo” (2009) ha tenuto seminari, conferenze, workshop, mostre sui temi della conoscenza e valorizzazione del territorio alpino come sistema complesso. E’ autore di oltre 130 pubblicazioni scientifiche con studi sull’Ottocento e Novecento e sul recupero del patrimonio alpino. Studia e opera la fotografia come strumento di conoscenza del progetto e della storia. 

In sintesi
Il cuNeo gotico. Temi e itinerari nella provincia di Cuneo
di Lorenzo Mamino e Daniele Regis
Atlante neogotico di Daniele Regis

Edizione in brossura
Formato 14,5 x 20 cm
Pagine 272 con foto a colori
Euro 18,00 (i.i.)
ISBN 978-88-6373-453-9

Sagep Editori Srl Piazza San Matteo, 14/4 – 16123 Genova Tel 010 5959539 – Fax 010 8686209 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Scoprire una provincia neogotica

In Europa, in pieno Ottocento, si diffuse il gusto romantico per il gotico. Il risveglio di questa corrente toccò profondamente la provincia di Cuneo, che oggi rivela un primato a livello italiano, con esempi artistici e architettonici d’eccellenza, ispirati alla riscoperta del Medioevo.
Il cuNeo gotico è un progetto culturale ed espositivo triennale promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, dedicato all’affascinante tema del neogotico nelle arti, “genere artistico e culturale permanente”, vivo ormai da più di due secoli, che tocca tutte le discipline, dalla letteratura al cinema, dalla musica all’illustrazione, dalle arti grafiche alla moda.

I quattro beni faro del Neogotico in provincia di Cuneo sono:
Pollenzo – Tenuta Reale e borgo
Dogliani – Opere di Giovanni Battista Schellino
Racconigi – La Margaria, le Serre e il parco
Busca – Castello del Roccolo e parco

Seguici su:

logo fb     logo twitter

Questo sito usa alcuni tipi di cookie. Continuando la navigazione o chiudendo questo banner ne accetti l'utilizzo.